Disegno barca che approda. Libro a fumetti. Copertina di Tintin 'L'Isola nera'. Renne. Isola di San Matthew. Isola di St. Matthew. Uno scoglio isolato e sperduto nel mare di Bering, a 300 km dall’Alaska.
Disegno del edificio di ricerca. Vignetta nave da carico con renna. 1944: Su quest’isola la guardia costiera americana vi fonda un LORAN (LOng RAge radio Navigation system o sistema di navigazione radio a lunga portata) con uno staff di 19 uomini. Sull’isola vengono liberate 29 renne come eventuale fonte di cibo in caso di emergenza. Dopo pochi mesi la stazione viene dismessa ed il personale abbandona l’isola. Le renne sono lasciate sull'isola.
Renne pascolano sull'erba. Disegno di campi erbosi. Le renne si ritrovano su un’isola dove abbonda il loro nutrimento preferito, i licheni. Con abbondanza di risorse ed in mancanza di predatori naturali, le renne prolificano e si moltiplicano.
Uomini fanno ricerche sulla mandrie di renne. Disegno di un tricheco. Estate 1957 : durante una ricerca alcune persone visitano l’isola di St. Matthew. In soli 13 anni le renne si sono moltiplicate da 29 a 1350 capi. Lo stato di salute degli animali e' ottimo ed ingrassano grazie alla dieta di licheni.
Elicottero sopra la mandrie di renne. Vignetta di renne che mangiano erba. Estate 1963 : i ricercatori ritornano sull’isola di St. Matthew. Nel giro di 6 anni, la popolazione è cresciuta da 1350 a 6000 renne. Le renne, con la loro, voracità, dopo aver divorato tutti i licheni dell’isola, mangiano l’erba rimasta. In seguito alla crescente bisogno di cibo, il peso corporeo degli animali si è ridotto dall’ultima visita di controllo.
Disegno di ossa di renna. Vignetta di renne morte. Estate 1966 : i ricercatori fanno ritorno all’isola di St. Matthew. Trovano l’isola ricoperta da scheletri di renne. Della popolazione di 6000 renne, ne restano 42, di cui 41 femmine ed un maschio non fertile. Non vi sono cuccioli.
Grafico. Vignetta di uccello marino. A causa delle risorse sempre più esigue, la popolazione non è stata in grado di superare indenne i rigori dell’inverno. Nel giro di pochi mesi, la popolazione è crollata del 99%. Senza potersi riprodurre, tutte le renne si sono estinte completamente negli anni 80.
Disegno dell'isola sull'oceano. Vignetta si allarga sulla disegno della Terra. Le risorse naturali incontaminate, divennero il motivo della prosperità delle renne, ma anche il seme della loro estinzione. Le dimensioni dell’isola erano limitate e le risorse pure. Quanto è grande la nostra isola?

Supporta i miei fumetti idiosincratici! Compra un PDF da $2. Usa Paypal, Bitcoin o carta di credito! Modifica il prezzo per una mancia extra.Oppure diventa un mecenate mensile con Patreon.com

L’isola di St Matthew e' disponibile anche in queste lingue:

Čeština (cs)

,

Deutsch (de)

,

Ελληνικά (el)

,

English (en)

,

Español (es)

,

Français (fr)

,

Nederlands (nl)

,

Português brasileiro (pt-BR)

,

中文 (zh)



Se ti e' piaciuto L’isola di St Matthew prova a leggere questi fumetti simili:
Tipo III fumetti di Stuart McMillen
Cosa hanno in comune l’ecosistema del Monte St.Helens e il nostro sistema industriale?

O qualcosa di completamente diverso:
Il Parco Per Ratti fumetti di Stuart McMillen
Un classico esperimento sulla scienza della dipendenza. I ratti sceglierebbero di drogarsi se messi in un ambiente stimolante e sociale?
Supernormal Stimuli fumetti di Stuart McMillen
Il cervello di un rettile si annida in profondità nel nostro subconscio. Quale parte del nostro comportamento viene dall’istinto primordiale?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *